L'IPOVISIONE NELL'ADULTO - La degenerazione maculare legata all'età

Che cos’è la DMLE – Degenerazione maculare legata all’età e come può essere trattata.

COME FUNZIONA L’OCCHIO?

L’occhio funziona come una macchina fotografica: la CORNEA e il CRISTALLINO rappresentano le lenti dell’obbiettivo e la RETINA rappresenta la pellicola in cui si formano le immagini percepite.

Nella retina vengono tenute ben distinte l’area centrale, chiamata macula, e la restante area periferica. La macula ci permette di distinguere nei minimi dettagli l’oggetto che stiamo osservando; questa proprietà è chiamata ACUITA’ VISIVA.

La retina periferica, invece, ci permette di percepire il vasto spazio che circonda l’oggetto fissato, di orientarci nello spazio, rappresenta il nostro CAMPO VISIVO.

CHE COS’E’ LA DEGENARAZIONE MACULARE LEGATA ALL’ETA’ (DMLE)

La DMLE rappresenta la causa principale di ipovisione nei paesi occidentali; compare dopo i 50 anni in soggetti senza precedenti patologie oculari e colpisce la zona centrale della nostra retina causando lesioni di tipo degenerativo.

E’ definita di tipo “secco” nell’ 80% dei casi, determinando solo nel 10-20% un grave problema visivo; di tipo “umido”nel 10% dei casi determinando però nel 90% di questi una grave menomazione visiva dovuta alla formazione di nuovi vasi sanguigni e alla deposizione di essudati.

Nelle fasi iniziali è molto comune la sensazione di annebbiamento e sfuocamento della zona centrale dell’oggetto osservato, nelle fasi successive queste macchie sfuocate possono diventare nere o grigiastre e impedire completamente la possibilità di leggere, scrivere, guardare la TV, accudire se stessi ecc.

E’ molto importane una immediata consultazione del proprio oculista per una rapida diagnosi.

Un semplice metodo per evidenziare i primi sintomi è il test di Amsler, che va eseguito ad una normale distanza di lettura (30 cm circa), indossando gli occhiali abitualmente utilizzati per la lettura.

Bisogna coprire un occhio e fissare il punto nero al centro della griglia.

Quindi ripetere l’operazione con l’altro occhio. La comparsa di linee ondulate, distorte od interrotte, zone sfocate od annebbiate, assenza del punto nero od altre parti della griglia rappresentano i primi sintomi di DMLE.

CHE COS’E’ L’IPOVISIONE

Il problema dell’IPOVISIONE riveste nel mondo d’oggi, per il gran numero di persone affette, una particolare importanza. Rappresenta una perdita più o meno grave della funzione visiva bilaterale e irreversibile, che genera disabilità.

Per IPOVEDENTE s’intende un soggetto con capacità visiva talmente bassa da non poter svolgere alcuna attività elementare e quotidiana; tale situazione non è risolvibile con una normale correzione ottica e nonostante ciò non può essere paragonato ad un NON VEDENTE.

L’ipovisione inizia quando il nostro oculista afferma di non poter fare più nulla per migliorare la nostra condizione visiva, ma può aiutarci ad utilizzare al meglio la nostra vista “residua” in modo da limitare al massimo le conseguenze della malattia sulla qualità della vita.

Questa strada conduce alla RIABILITAZIONE VISIVA che, associata all’utilizzo di ausili ottici specifici, determina, nella maggioranza dei casi, un soddisfacente superamento dell’handicap derivante dalla malattia visiva.

Ricordiamo che presso HTC Centro Medico Diagnostico, è possibile effettuare: 

  • Pachimetria corneale (diagnosi glaucoma border-line)
  • Test per la funzione lacrimale (test di Schirmer e B.U.T.)
  • Oftalmoscopia diretta e indiretta per lo studio della macula

  Categoria: News
  Commenti : None
  18 Aprile 2013

I commenti sono chiusi.