Dismenorrea - HTC Centro Medico Stradella Pavia

La parola “dismenorrea” ha origine dal greco antico e vuol dire “flusso mensile difficile”, ma oggi questo termine viene utilizzato per definire la “mestruazione dolorosa”.

La mestruazione dolorosa è un problema frequente?

Circa l’80% delle donne soffre di qualche forma di dismenorrea, ma solo il 10-15% di queste presenta il disturbo in forma grave.


La Dismenorrea è uguale per tutte le donne?

La dismenorrea, pur essendo un sintomo piuttosto frequente, ha una durata e un’intensità che può variare molto da donna a donna.

Per alcune donne le mestruazioni possono costituire un grave problema, al punto da interrompere la normale routine quotidiana (lavoro, sport, spostamenti).


Che differenza c’è tra Dismenorrea primaria e secondaria?

La Dismenorrea viene definita primaria quando non è possibile riscontrare una causa organica che la provochi, mentre parliamo di Dismenorrea secondaria quando la sua origine è nota.


Quali sono le caratteristiche della mestruazione dolorosa?

Il dolore compare appena prima o all’inizio del flusso e dura dalle 8 alle 72 ore.

Le donne giovani sono le più colpite, perché il sintomo tende a diminuire o scomparire dopo il parto, probabilmente a causa dell’aumento di volume dell’utero in gravidanza che distruggerebbe alcune delle terminazioni nocicettive presenti all’interno delle sue pareti.


Quali possono essere le cause delle forme primarie?

La genesi delle forme primarie di dismenorrea è di tipo multifattoriale.

La teoria più vecchia e accreditata è quella che attribuisce la responsabilità del dolore all’ipercontrattilità uterina che si verifica durante la mestruazione. In effetti le donne che soffrono di dismenorrea fanno registrare un aumento della pressione all’interno dell’utero, maggiore rispetto alle altre.

Un altro riscontro anomalo è quello di quantità elevate di Prostaglandine nel sangue mestruale di donne che soffrono di dismenorrea. Le Prostaglandine sarebbero responsabili di una maggiore contrattilità uterina e, in più, avrebbero un effetto vasocostrittore.

Anche i Leucotrieni (importanti mediatori della risposta infiammatoria) e la Vasopressina (un ormone che favorisce la contrattilità uterina) sono considerati fra le possibili cause di dismenorrea.


Il dolore può essere provocato dall’emotività?

I fattori emotivi non sarebbero responsabili dell’insorgenza del dolore, ma potrebbero entrare in gioco successivamente, quando il disturbo diventa cronico e interferisce con la normale vita quotidiana. Chi non si sentirebbe turbato da un’esperienza di dolore cronico?


La Dismenorrea è un sintomo che va sempre indagato?

Quando il dolore è modesto non occorre nessun tipo di approfondimento.

Se, invece, il dolore è intenso e ricorrente, è bene sottoporsi ad una visita ginecologica e ad un’ecografia pelvica, al fine di escludere cause di tipo organico.


In che cosa consiste la terapia?

La terapia consiste nell’assunzione di analgesici come ibuprofene o chetoprofene (più diversi altri) che inibiscono la sintesi delle prostaglandine e la produzione di leucotrieni. È importante assumere questi prodotti non appena si manifesta il dolore, senza aspettare che aumenti troppo d’intensità.

In alcuni casi, gli analgesici non bastano ed è necessario ricorrere alla “pillola” (estroprogestinici orali), perché il dolore compare soprattutto durante i cicli ovulatori.

Per chi apprezza i rimedi naturali, Magnesio e Vitamina B1 possono risultare efficaci se vengono assunti almeno 1 settimana prima della mestruazione.


Quando si sospetta una forma di Dismenorrea secondaria?

Un accenno merita anche la Dismenorrea secondaria.

Compare più tardivamente rispetto alla primaria ed è dovuta a patologie dell’apparato genitale.

Le cause più frequenti sono: l’endometriosi e l’adenomiosi; i fibromi uterini e il varicocele pelvico.

In questi casi, rivolgersi al ginecologo diventa necessario e la terapia sarà specifica (medica e/o chirurgica) in base alla causa.


In HTC, puoi prenotare:

Per prenotare, telefona allo 0385 246861 o presentati direttamente alla segreteria dei nostri ambulatori, in via Martiri Partigiani 33 a Stradella-PV.

  Categoria: News
  Commenti : None
  30 Marzo 2022

I commenti sono chiusi.